PROGETTI
AMBIENTALI

Liguria

Image module
  • Icon List
    3030
    persone coinvolte
  • Icon List
    30
    scuole coinvolte
  • Icon List
    520
    studenti coinvolti
  • Icon List
    2280
    rifiuti marini raccolti
  • Icon List
    160.829 m²
    di coste pulite
2015
90%

PROGETTI
AMBIENTALI

Liguria

Image module
  • Icon List
    3030
    persone coinvolte
  • Icon List
    30
    scuole coinvolte
  • Icon List
    520
    studenti coinvolti
  • Icon List
    2280
    rifiuti marini raccolti
  • Icon List
    160.829 m²
    di coste pulite
2015
90%
Costa Crociere Foundation > Rotta verso un mare più blu

Rotta verso un mare più blu

Le coste liguri, note per la loro bellezza e non solo, sono minacciate dai rifiuti. Si tratta di una crisi pericolosa per la flora e la fauna, nociva per gli esseri umani nonché deleteria per l’economia del territorio. La nostra missione è collaborare con l’OLPA per arrestare l’ondata di rifiuti marini.

LE SFIDE

Le coste liguri non sono solo un’attraente meta turistica, apprezzata per il mare blu e le acque calme, ma rappresentano anche un ambiente marino ricco caratterizzato da un’incredibile biodiversità. Tuttavia, il delicato ecosistema e l’economia di queste aree costiere sono minacciate da una gestione e uno smaltimento dei rifiuti inadeguati.

I rifiuti marini non sono solo un insulto alla vista, ma feriscono i bagnanti, colpiscono e danneggiano la flora e la fauna, allontanano i turisti e costituiscono un pericolo per sommozzatori e imbarcazioni. E’ necessario quindi definire azioni coordinate per liberare, un’importante area costiera, dalle tonnellate di rifiuti che ne deturpano le spiagge e le acque.

La zona che desta maggiori preoccupazioni è la fascia che va dalla riva fino ad una profondità di 50 metri. E’ qui che si accumulano rapidamente i rifiuti, poiché si tratta dell’area maggiormente frequentata da bagnanti, subacquei e piccole imbarcazioni da pesca, nonché di un punto di scarico in mare dei rifiuti portati dai fiumi. Molte di queste aree sono rinomate per il contributo che apportano alla biodiversità e ospitano barriere artificiali volte a promuovere la ricostituzione delle risorse ittiche e di conseguenza sono anche le più esposte ai rischi dell’inquinamento. La nostra collaborazione con l’OLPA, che conosce bene questi pericoli ed altri analoghi, ci consentirà di definire una strategia sui rifiuti marini coordinata e approfondita allo scopo di arginare e ridurre l’inquinamento marino.

I NOSTRI OBIETTIVI

Nel corso degli anni, l’OLPA ha condotto diverse campagne e collaborato con partner locali, regionali, nazionali ed europei per richiamare l’attenzione sul problema dell’inquinamento e del depauperamento marino. Il presente progetto, finanziato dalla CCF, attingerà dalla lunga esperienza dell’OLPA per costituire una rete che abbracci l’intera comunità, all’interno della quale volontari locali, studenti, professionisti, enti pubblici, privati e accademici, lavorino fianco a fianco per monitorare e pulire il litorale e fondale marino. Inoltre, grazie a una campagna d’informazione capillare e a eventi di sensibilizzazione, ci si vuole spingere anche oltre e risolvere il problema dei rifiuti alla fonte.

IL NOSTRO PROGETTO

L’OLPA punta a informare e mobilitare due diversi gruppi della società (gli studenti ed i professionisti direttamente coinvolti) al fine di mettere in atto due importanti strategie di riduzione dei rifiuti: monitorare e sensibilizzare, ridurre ed eliminare.

Nella prima fase del progetto triennale, si lavorerà per far comprendere meglio alla comunità il problema dei rifiuti marini. Verranno utilizzati canali convenzionali e social media per sensibilizzare i cittadini e alimentare un movimento che li incentivi a porre fine all’inquinamento.

I contatti stabiliti, tra gli altri, con sommozzatori professionisti, pescatori locali, operatori turistici e istituzioni locali verranno tradotti in azioni concrete, dal momento che si ricorrerà alle loro competenze per monitorare e rilevare l’inquinamento marino lungo il litorale ligure. Il litorale e il fondale marino saranno oggetto di una rilevazione geografica per tre mesi all’anno, attraverso l’impiego di attrezzature scientifiche avanzate e a tecniche sperimentali. I dati ottenuti verranno poi utilizzati in estate per un’operazione di pulizia coordinata da 16 centri informativi, che vedrà la partecipazione di 1400 volontari operativi per 12 giorni in 12 diverse località.

In una fase successiva verranno organizzati nelle scuole 80-100 eventi annuali incentrati sulla formazione e la sensibilizzazione. Gli studenti impareranno a conoscere l’ambiente marino e l’impatto dei rifiuti. Come nel caso di precedenti progetti, l’OLPA potrà studiare il ciclo dei rifiuti e implementare l’approccio delle ‘5R’ della Costa Crociere Foundation come possibile soluzione all’inquinamento marino.

Gli studenti verranno esortati ad assumere un ruolo attivo adottando una porzione della costa che avranno il compito di controllare e mantenere in buono stato. I dati raccolti verranno poi utilizzati per delineare una mappa degli habitat dell’intera regione, che sarà poi presentata nella fase finale del progetto, quando i risultati verranno illustrati nelle scuole, nelle stazioni marittime, alla comunità e online.

Image module
Image module
Image module
Image module

CONDIVIDI QUESTO PROGETTO SU:

Niccolo