Made of sun

Costa Crociere Foundation ha scelto di scendere in prima linea per sostenere il pionieristico progetto di rigenerazione ambientale nel deserto della Giordania dell’associazione Sahara Forest Project che punta a trasformare i deserti in vere e proprie risorse.

L’idea alla base è molto semplice: utilizzare ciò di cui disponiamo in abbondanza per produrre ciò di cui abbiamo bisogno. Deserti, acqua salata e luce solare. Sono questi gli ingredienti che il Sahara Forest Project converte in acqua pulita, cibo ed energia. Il tutto secondo un iter ecosostenibile.

L’innovativa struttura si trova nei territori che circondano il porto di Aqaba, caratterizzati da scarsissime precipitazioni e temperature estive torride.

Tanto ambizioso quanto pragmatico, il progetto è stato presentato alla Conferenza ONU sui cambiamenti climatici e i risultati stanno superando ogni aspettativa: attualmente qui vengono prodotte all’interno delle serre circa 130 tonnellate di ortaggi, distribuite su 3 ettari di terreno e 10.000 litri di acqua desalinizzata al giorno.

L’obiettivo del sostegno della Fondazione è quello di contribuire al piano futuro, che prevede un’estensione a 20 ettari circa, pensati per dare vita a 34mila tonnellate di frutta e verdura oltre a fornire diversi posti di lavoro alle popolazioni locali.

A ulteriore supporto del progetto le navi Costa e Aida che faranno scalo nel porto di Aqaba acquisteranno questi ortaggi coltivati nel deserto e gli ospiti a bordo avranno quindi la possibilità di gustare piatti creati ad hoc dagli Chef per esaltarne il gusto e la qualità. 

Un’iniziativa che si coniuga perfettamente con l’impegno più ampio del Gruppo Costa per l’innovazione sostenibile e la creazione di valore condiviso, nonché con la missione della Costa Crociere Foundation di promuovere il miglioramento sociale e ambientale.

SAHARA FOREST PROJECT FOUNDATION

Sahara Forest Project Foundation è una fondazione non-profit istituita per promuovere l’innovazione e lo sviluppo sostenibili e redditizi di tecnologie ambientali nei settori alimentare, idrico ed energetico.
L’elemento chiave dell’innovativa tecnologia utilizzata si compone di serre alimentate da pannelli solari e da desalinizzatori, anch’essi alimentati da energia solare. Grazie alle fonti rinnovabili non solo è possibile coltivare all’interno della serra e sfruttare energia elettrica, ma attivare all’esterno della struttura un processo di umidificazione del terreno che favorisce una rapida crescita di vegetazione. In questo modo è possibile sviluppare una vera e propria green economy inclusiva e orientata alla massima sostenibilità ambientale.

L’applicazione di questa tecnologia ha il potenziale di rivoluzionare i sistemi di uso del suolo, in modo da generare benefici per il clima, le persone e le imprese.

Image module
Image module
Image module
Image module
Daniel